sabato, Luglio 13, 2024
HomeNewsTrento riceve una multa da 50.000€ per aver usato l'IA per controllare...

Trento riceve una multa da 50.000€ per aver usato l’IA per controllare i cittadini

Il Garante per la protezione dei dati personali ha sanzionato il Comune di Trento per aver violato la privacy dei cittadini attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale. La multa ammonta a 50.000 euro.

Le violazioni sono state riscontrate in due progetti di ricerca, Marvel e Protector. Il primo progetto aveva l’obiettivo di riconoscere scene audiovisive e rilevare eventi, mentre il secondo mira a intensificare la sicurezza in prossimità dei luoghi di culto.

In entrambi i casi, il Comune ha raccolto dati personali dei cittadini, come immagini e audio, utilizzando telecamere di videosorveglianza e microfoni. I dati sono stati poi analizzati con l’intelligenza artificiale per identificare potenziali minacce alla sicurezza.

Il Garante ha ritenuto che le violazioni siano state gravi, in quanto i dati personali sono stati raccolti senza un’adeguata base giuridica e non sono stati adeguatamente protetti.

Il caso di Trento è un esempio di come l’uso dell’intelligenza artificiale può comportare rischi per la privacy dei cittadini. È importante che le amministrazioni pubbliche e le aziende utilizzino l’intelligenza artificiale in modo responsabile, adottando misure adeguate per proteggere i dati personali.

RELATED ARTICLES
OFFERTE E COUPON

CLICCA QUI

Most Popular

Privacy Policy
Abilita Notifiche Ok No grazie